Canale Sos Volterra

Loading...

venerdì 28 giugno 2013

CASA DELLA SALUTE? CONOSCIAMOLA A S MARCELLO PISTOIESE..

Non bastassero le parole “riorganizzazione” e “smagrimento” delle strutture ospedaliere, spese in giunta regionale sulla casa della salute all’interno delle strutture ospedaliere, ecco che la realtà casa della salute la troviamo nella Montagna Pistoiese. Un vasto territorio con circa 11.000 abitanti, affollato annualmente da migliaia di turisti. La zona occupa quasi un quarto dell’intera provincia di Pistoia ed è formata da quattro comuni, San Marcello Pistoiese, Abetone, Cutigliano e Piteglio. L’ospedale di S. Marcello è, o forse è meglio dire era, riconosciuto come un presidio di eccellenza, di riferimento tanto per gli abitanti locali quanto per i turisti che giornalmente gravitano intorno a quelle località. Ovvio che serviva indirettamente anche all’ospedale di Pistoia, visto che faceva in modo che l’utenza delle montagne non andasse ulteriormente ad ingolfare il nosocomio del capoluogo. Con la realizzazione della casa della salute all’interno dell’ospedale sono spariti circa una trentina di posti letto, occupati ora dagli ambulatori dei medici di base. Peccato che il partito di maggioranza in accordo con l’asl proclamava a gran voce che l’ospedale non avrebbe chiuso. In realtà, nonostante le promesse, la chirurgia non esiste più, l’ortopedia nemmeno e anche il pronto soccorso dirotta quasi tutti i pazienti a Pistoia! In particolare, attualmente oltre alla casa della salute esistono solo 24 posti di medicina ed un pronto soccorso a mezzo servizio. Secondo voi una simile struttura ha sempre i connotati di un ospedale?
Le similitudini ci sembrano ampiamente ricalcare quelle della nostra zona.  Gli amici della montagna pistoiese hanno avuto il solo “torto” di essere tra i primi a veder realizzare questo progetto… che dire, vogliamo conoscere bene la casa della salute? Andiamo a S. Marcello, e ricordiamo che anche là i membri del locale comitato pro ospedale erano accusati di essere degli irresponsabili, sobillatori e allarmisti…



SOS Volterra